VEDERE OLTRE

PERIODICO DI INFORMAZIONE DELL’ISTITUTO DEI CIECHI DI BOLOGNA FRANCESCO CAVAZZA, N.1 FEBBRAIO 2024

Segnalo questa rivista, ormai al suo trentesimo anno di etĂ , così come il suo direttore responsabile Pier Michele Barra celebra nel suo editoriale, non solo per il mio apprezzamento alle numerose attivitĂ  dell’Istituto, anche per due notevoli articoli ospitati. Il primo è firmato da Alberto Zanelli dal titolo Villa Rittmeyer, un giardino sensoriale incantato sull’altopiano del Carso.  L’invito ad attraversare, sia come esperienza di piacere ma anche come crescita cognitiva, una preziosa oasi pubblica situata nel borgo di Barcola, nel comune di Trieste, che dal 1913 la baronessa Cecilia da Rittmeyer donò per la costituzione di un istituto dedicato all’istruzione dei ciechi.

Il secondo articolo è scritto da Loretta Secchi, dal titolo Il Cavaliere, la morte e il Diavolo: un viaggio all’interno del capolavoro di Albert Dürer.  

www.cavazza.it

Precedente:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *